Insulti e sputi a Paparesta. Atti alla procura Federale

gianluca-paparesta-presidente-bari-800-800x400_54_6183

Il giudice sportivo della serie B ha trasmesso al procuratore federale gli atti relativi agli episodi denunciati dal presidente del Bari, Gianluca Paparesta, dopo il match perso dai pugliesi sul campo dell’Avellino. Paparesta “lamentava il fatto di essere stato oggetto di insulti, bersaglio di sputi e lancio di oggetti da parte dei sostenitori della squadra irpina”, rende noto il giudice sportivo, spiegando poi che il presidente dell’Avellino, Walter Taccone, ha ammesso “in parte l’accaduto limitatamente agli insulti”. Il giudice spiega inoltre che “dallo stesso referto emergeva il fatto che negli spogliatoi e negli spazi adiacenti di entrambe le società vi era un numero elevato di persone tale da impedirne l’identificazione al fine di valutare l’eventuale indebita presenza”. Da qui la decisione di trasmettere gli atti alla procura, “considerata la necessità di acquisire eventuali ulteriori elementi di riscontro”.

Top