Blitz in campagna: arrestati 7 ladri di olive e prodotti caseari

carabinieri

Blitz nelle campagne per i carabinieri del comando provinciale di Bari dopo le segnalazioni di proprietari terrieri e piccoli imprenditori agricoli per furti di olive e formaggi. In totale sono finite in manette sette persone. Recuperati sei quintali di olive pregiate, attrezzi per la loro raccolta e oltre 700 chili di prodotti caseari. I primi due sono stati una coppia di bitontini, 52 anni lui, sorvegliato speciale e 39 anni lei. Per loro l’accusa è di furto aggravato in concorso. Una pattuglia della Stazione di Bari Santo Spirito, è stata informata dal proprietario di un fondo agricolo, ubicato in contrada Sant’Andrea, che poco prima aveva sorpreso due persone intente a rubare olive. Raggiunto il posto, la donna è stata immediatamente fermata, mentre l’uomo si è dato alla fuga per i campi. Inseguito a piedi da un militare, è stato raggiunto e bloccato dopo alcune centinaia di metri.

A Minervino Murge, invece, i carabinieri hanno arrestato un pregiudicato 33enne del posto. L’uomo era stato sorpreso dal proprietario di un fondo di quella contrada Chianche, mentre, con un complice, stava rubando olive. I militari, allertati al 112, sono riusciti a bloccarne uno, dileguatosi a piedi nei campi. Il complice, invece, allontanatosi in auto, è riuscito a far perdere le tracce. L’ispezione dei luoghi ha permesso ai militari di rinvenire e sequestrare dei bastoni ed alcuni sacchi vuoti. Sabato i carabinieri di Ruvo di Puglia hanno sorpreso due ladri, un 46enne ed un 38enne, rispettivamente di Andria e Corato, mentre rubavano olive in località Belluogo. I militari hanno recuperato altri 3 quintali di olive, già caricati in sacchi a bordo di un’autovettura. Anche qui sono stati sequestrati attrezzi vari per la raccolta.

L’ultima operazione è avvenuta a Putignano, dove i carabinieri hanno arrestato un pregiudicato di 37 anni e un incensurato di 19, entrambi di Gioia del Colle, sorpresi a bordo di una Fiat Stilo carica di formaggi e scamorze, rubati da un grosso caseificio putignanese. Tutta la refurtiva, sei quintali di olive e sette quintali di prodotti caseari, è stata immediatamente restituita ai legittimi proprietari.

AUTORE
Top